Utilizziamo i cookie per offrire i servizi e le funzionalità proposte dal nostro sito web e per migliorare l'esperienza degli utenti. I cookie sono piccoli file o porzioni di dati che vengono scaricati o archiviati sul tuo computer o altri dispositivi. Possono contenere informazioni sul tuo uso del nostro sito web (includendo alcuni servizi di terze parti e funzionalità offerte dal nostro sito web). Facendo clic su "Accetto" acconsenti a tale uso dei cookie. Puoi sempre ritirare il consenso successivamente. Tieni presente che se elimini o disattivi i nostri cookie puoi sperimentare interruzioni o funzionalità limitate in alcune aree del sito web. Cookie policy

 

NEWS AL FEMMINILE

curiosità in rosa dal mondo del vino

 

 

 

NOTIZIARIO REGIONALE

elenco completo delle notizie per regione

 

 

 

DELEGAZIONI REGIONALI

elenco completo delle socie ordinato per tipologia e suddiviso per regione

 

 

AREA RISERVATA   

 

 

NOTIZIE

 

EVENTI

 

VINITALY 2017 - IL VINITALY DELLE DONNE DEL VINO DEDICATO AI VITIGNI AUTOCTONI

 

 

ECCO LA 1ª FESTA DELLE DONNE DEL VINO 2017: OLTRE 70 EVENTI

 

 
 

L'Associazione Nazionale Le Donne del Vino, formatasi nel 1988 per merito del brillante intuito della produttrice toscana Elisabetta Tognana, conta oggi oltre 700 iscritte che rappresentano tutte le categorie della filiera vitivinicola, dal vigneto alla cantina, dalla tavola alla comunicazione.
E’ uno dei sodalizi più attivi e vivaci nel vasto scenario enogastronomico ed è tra le espressioni più interessanti dell’imprenditoria femminile, tale da rappresentare un fenomeno unico al mondo.
Il logo dell’Associazione, due giovani donne dallo sguardo fiero e deciso e dai capelli simili a chicchi di uva, è anch’esso un simbolo entrato nel cuore delle donne italiane, che hanno saputo proporre, con la loro operosità, una diversa chiave di lettura rispetto al mondo maschile.

Le ragioni del sodalizio.

Le ragioni fondamentali che hanno favorito la nascita dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino sono:

- le donne che, da sempre, lavorano nelle aziende vitivinicole in modo professionale, ma quasi "oscuramente", hanno preso coscienza delle loro capacità imprenditoriali. Alcune di loro si sono trovate ad ereditare ed a gestire patrimoni di famiglia, circostanza, anch'essa, che dà il segno del cambiamento. Nel passato, infatti, questi passaggi avvenivano sempre in linea maschile;

- da anni anche le donne frequentano scuole e corsi professionali, dibattiti, degustazioni, viaggi studio all’estero per diventare agronome, enologhe, enotecarie, sommelier. Sono entrate quindi, a pieno titolo, da protagoniste anche in settori confinanti a quello vitivinicolo, ovvero nelle enoteche e nella ristorazione;

- cambiamenti di abitudini che si sono manifestati nel mondo delle consumatrici hanno contribuito al “salto di qualità” professionale delle donne. Vino "al femminile" significa saper scegliere un prodotto di qualità, significa il piacere di gustare in modo consapevole e di conoscere a fondo le caratteristiche dei vini per arrivare ad abbinarli correttamente ai cibi.


L'Associazione accoglie solo Signore che lavorano in prima persona nel campo del vino e non le simpatizzanti.