Utilizziamo i cookie per offrire i servizi e le funzionalità proposte dal nostro sito web e per migliorare l'esperienza degli utenti. I cookie sono piccoli file o porzioni di dati che vengono scaricati o archiviati sul tuo computer o altri dispositivi. Possono contenere informazioni sul tuo uso del nostro sito web (includendo alcuni servizi di terze parti e funzionalità offerte dal nostro sito web). Facendo clic su "Accetto" acconsenti a tale uso dei cookie. Puoi sempre ritirare il consenso successivamente. Tieni presente che se elimini o disattivi i nostri cookie puoi sperimentare interruzioni o funzionalità limitate in alcune aree del sito web. Cookie policy

 

NEWS AL FEMMINILE

curiosità in rosa dal mondo del vino

 

 

 

NOTIZIARIO REGIONALE

elenco completo delle notizie per regione

 

 

 

DELEGAZIONI REGIONALI

elenco completo delle socie ordinato per tipologia e suddiviso per regione

 

 

AREA RISERVATA   

 

 

NOTIZIE

 

EVENTI

 

SORRENTO ROSE' - FESTIVAL DEI VINI ROSATI

 

 

VINITALY 2017 - Programma completo

 

 

ECCO LA 1ª FESTA DELLE DONNE DEL VINO 2017: OLTRE 70 EVENTI

 

 
 

 
 

03-12-2014//VERONA

3 Dicembre - Convention delle Donne del Vino – Wine2Wine – Verona

 

 

Mercoledì 3 dicembre, in collaborazione con Veronafiere, si è svolto un incontro-dibattito dal titolo “I molteplici valori del vino in Italia: dalla redditività agli impatti patrimoniali sui territori”, organizzato dall’Associazione Nazionale Le Donne del Vino, che, in questo difficile momento di crisi, ha voluto porre l’accento sui molteplici valori del vino, uno dei pochi prodotti che potrebbe garantire una crescita economica.

 

La presidente dell’Associazione Nazione Le Donne del Vino Elena Martusciello ha ringraziato gli intervenuti ed ha introdotto il tema del convegno, presentando il moderatore Stefano Roncon, giornalista economico con competenze nell’ambito della comunicazione di aziende agroalimentari. Roncon, a sua volta, ha dato la parola a Denis Pantini (Wine Monitor – Nomisma) uno dei più attenti osservatori delle dinamiche del mercato del vino in Italia, che ha presentato una panoramica complessiva sui molteplici valori del vino, sui diversi risvolti socioeconomici di questo prodotto, sugli scenari evolutivi, sulla competitività del vino italiano e sull’andamento del fatturato, che, pur essendo stato colpito, sta reagendo bene alla crisi diffusa. "Le marginalità delle imprese del vino italiane (secondo un’analisi su un campione di 754 aziende per un fatturato cumulato di 4,5 miliardi di euro nel 2013) – ha detto Pantini - sono passate da una redditività delle vendite (Ros) del 5,7% del 2007 al 3,9% del 2013". "Non migliorano le cose - ha proseguito Pantini – se si guarda all’evoluzione del rendimento del capitali (Roe), passato dal 3,9% del 2007 all’1,4% del 2013". Ottima la tenuta del Brunello di Montalcino e dei vini dell’Alto Adige, infatti la Docg Brunello di Montalcino è passata da un Roe dell’11,8% del 2009 al 5,8% del 2013, mentre quella dell’Alto Adige è passata dal 4,8% al 2,1%. Si è evidenziato un dato positivo, infatti le nuove generazioni ritornano alla terra perché la vitivinicoltura attrae sempre più i giovani, favorendo uno svecchiamento dell’agricoltura italiana. In crescita il turismo e il consumo in USA e in Cina, che è recentemente diventato Paese di grandi consumatori. In Italia si è notato una diminuzione di vendita di vino nelle enoteche e nei negozi specializzati, mentre al contrario un incremento nei supermercati.

 

Bill Thomson, Italian Network Chairman di Knight Frank Florence, creatore della Chianti Estatesun e agente immobiliare che guarda al valore di un’azienda nel momento in cui viene messa sul mercato, ha espresso la propria meraviglia per le decisioni prese in materia perché anziché incrementare, spesso sminuiscono il proprio valore e mettono in atto azioni che conducono al fallimento. Se un proprietario di azienda punta ad un target alto deve evitare di spezzettare la proprietà perché la vendita frazionata non è appetibile per gli acquirenti. Gli interessa la bella cantina, le attrezzature, gli uffici funzionali, infatti Thomson ha dichiarato che tutto deve essere curato nei particolari: “Quando vengono a visitarla deve essere pulita e perfetta e quindi fate voi il giorno precedente una simulazione della visita per verificare che tutto sia ok”. Quindi è importante che le aziende tengano conto di tutti questi fattori quando dovranno investire del capitale. Il dottor Di Dio ha portato i saluti dell’Ente Fiera.

 

Mario Mancini, responsabile Agricoltura del Banco Popolare, ha evidenziato come i molteplici valori del vino e l’ascolto del territorio possano rappresentare la base del rapporto tra banca ed aziende. Il dott. Mancini si occupa dei prestiti ad aziende che si vogliono espandere e che hanno bisogno di nuovi impianti e di ristrutturazioni, ma che spesso non hanno bilanci adeguati per approntare le spese necessarie, per cui tutto diventa più complicato. Purtroppo, infatti, oggi è più difficile ottenere questi prestiti rispetto al passato. Il Banco Popolare si è mostrato disponibile ad aiutare fattivamente chi vuole crescere.

 

A fine dibattito il moderatore Stefano Roncon ha ringraziato tutti i relatori per gli interessanti e proficui interventi.

 

Anna Pesenti Buonassisi

Cell. 335 6376458 – 334 3997914

Verona, 3 dicembre 2014

 

 

Scarica la ricerca sostenuta dall’Associazione Le Donne del Vino "I molteplici valori del vino: economici, sociali, ambientali".

Può essere richiesta alla segreteria scrivendo a info@ledonnedelvino.com e sarà inviata nel formato integrale e stampabile via mail.

 
Torna